Scopri il bilancio di Sostenibilità 2019 del Gruppo Acea in versione navigabile.

Le tariffe

LA TARIFFA PER IL SERVIZIO ELETTRICO

In Italia, con riferimento al settore elettrico, sono presenti due tipologie principali di mercato (al netto del residuale comparto della salvaguardia): il servizio di maggior tutela e il mercato libero. Nel servizio di maggior tutela, l’operatore di riferimento offre al cliente servizi standard e a prezzi stabiliti, in base alla disciplina dell’ARERA e ai quantitativi approvvigionati all’ingrosso dall’Acquirente Unico. Nel mercato libero, i servizi offerti ed i relativi prezzi sono il risultato della libera dinamica concorrenziale tra tutti gli operatori: in tale contesto, ogni cliente, in base alle condizioni di preferenza, può scegliere il proprio fornitore.

I costi presenti nella bolletta dell’energia elettrica coprono quattro voci di spesa: materia energia (approvvigionamento e commercializzazione al dettaglio), trasporto e gestione contatore (costi per le attività di consegna ai clienti), oneri di sistema (costi per attività d’interesse generale del sistema elettrico, sostenuti da tutti i clienti finali) e imposte (imposta di consumo e IVA).

Il servizio di maggior tutela, sebbene in progressiva riduzione a favore del mercato libero, rappresenta, ancora oggi, il segmento più popolato dalla clientela italiana (domestica e non domestica), con un tasso di adesione del 53,6% (era del 58,1% l’anno precedente)60.

La dinamica di espansione del mercato libero è evidente osservando i volumi di energia venduti: i clienti del mercato libero consumano l’80,6% dell’energia complessivamente venduta al mercato finale (il 78,8% l’anno precedente).

Per un consumo “standard” sul mercato tutelato – pari a 2.700 kWh/anno, con potenza 3 kW – la spesa annua complessiva per l’elettricità, nel 2019, è stata di circa 557 euro (20,6 cent€/kWh), in lieve crescita rispetto all’anno precedente (con un costo medio pari a 20,3 cent€/kWh, e circa 548 euro annui). Il prezzo finale risente sostanzialmente dell’aumento degli oneri di sistema.

Grafico n. 25 – ANDAMENTO DEL PREZZO DELL’ENERGIA ELETTRICA PER UN CONSUMATORE DOMESTICO TIPO (€/KWH) (2018-2019)    

LA TARIFFA PER IL SERVIZIO IDRICO

Con la delibera 664/15, l’ARERA ha disciplinato, per il periodo 2016-2019, il quadro di regole eque, certe e trasparenti, inerenti alla tariffa nel comparto idrico.

La metodologia tariffaria, basata su schemi regolatori, intende garantire una gestione efficiente e in equilibrio economico-finanziario, che incentivi i piani di investimento per il miglioramento del servizio, alla luce dei principi full cost recovery (copertura integrale dei costi industriali e ambientali del servizio) e “chi inquina paga”.

Con la delibera 918/17, l’Autorità è intervenuta a modificare ed integrare la delibera 664/15, disciplinando i criteri di aggiornamento per il biennio 2018-2019, riguardo le componenti di costo ammesse a riconoscimento tariffario.

TABELLA N. 31 – TARIFFE IDRICHE MEDIE APPLICATE (2019)

Società€/mc
LAZIO/CAMPANIA
Acea Ato 2 SpA1,65
Acea Ato 5 SpA2,49
Gesesa SpA1,65 (*)
Gori SpA2,32 (**)

(*) Nel 2018, in applicazione della delibera 665/17, Gesesa ha uniformato la struttura tariffaria per tutti i comuni gestiti e avviato la convergenza verso la tariffa unica, con un percorso che porterà all’uniformità della tariffa nel 2023.
(**) Il dato è stimato.

60 In base al numero dei punti di prelievo serviti e dei volumi venduti nel 2018 (ARERA, Relazione annuale 2019).